[Er tetto che scotta]

agm

Sopra ogni tetto esploro er quartiere
Spavalda me spingo do’ non conviene
Appaiono losche, se mostrano fiere
Tutte le strade che c’ho nelle vene

Se resto ferma scompare er piacere
So’ nata curiosa e cambio ogni vorta
Er Trullo se scopre in tante maniere
M’aspetta sempre ‘n tetto che scotta

Finisco de notte in un letto fugace
L’unione se svolge come ‘na lotta
Dove la mente se scopre tenace
Desiderosa de fa ‘n po’ de scorta

A volte de sera non trovo pace
L’òmini fissano er petto invitante
Punto la preda che più me piace
So’ giochi carnali, er còre è distante

Nudi sur letto zuppi de sudore
Lui se ‘mprovvisa mio comandante
Non je lo dico ch’è mio servitore
Me godo l’orgasmo febbricitante

Ma fuggo temendo discorsi d’amore
Inviti ‘nvadenti a dormire e parlare
Delle sue tenebre non sarò colore
Non ce sta vuoto ch’io possa colmare

Dar tetto rivolgo er còre alla luna
Calda salvezza del mio naufragare
Lei che sa tutto sa che sfortuna
Avecce già avuto ‘a fortuna d’amare

De storie importanti ce n’ho avuta una
A ‘n omo sortanto ho detto ti amo
‘A passione affamata e inopportuna
La parola fine ce consegnò ‘n mano

Da allora me nutro der vago sapore
De corpi suadenti appesi al mio amo
Se ‘ntrecciano sempre piacere e dolore
A me nun me chiede’ “Ci rivediamo?”

Secondo natura sto sempre ‘n calore
Ma l’intesa mentale è l’unica chiave
Da me non s’entra facendo l’amore
Non perdo la testa perché c’hai ‘na trave


Condiviti questa notizia su:
avatar A Gatta Morta (17 Pubblicazioni)



12 commenti su “[Er tetto che scotta]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *