[Sora Rosa e Serenella]

Sora Rosa e Serenella

Sora Rosa era ‘n cucina
dalle sei della matina.
Impastava e poi stendeva
mai ‘n minuto se sedeva.

Serenella n’arrivava,
eppure quanto ce contava!
Alle dieci s’è degnata
co’ la faccia assai imbronciata.

“Serene’, ‘a disgraziata!
Che te sei dimenticata?
Forza, famo colazione.
Spiega a mamma ‘sto musone”.

Dopo fece più attenzione
e vide la disperazione:
“Fija mia, che t’è successo?
Perché stai a piagne adesso?

“A Ma’, te lo confesso,
ma non me fa’ er processo!
Me piaceva ‘n delinquente…
è ‘na stella, ma cadente.

‘Na storia nata già perdente.
Mo lui dice che se pente,
che me ama, che me vòle
ma ‘o conosco, so’ parole:

fa sempre er gallo fori ‘e scòle.
Intanto er còre a me me dòle”.
“Se la testa t’è partita
non puoi dire ch’è finita,

segui il flusso della vita.
Fija mia, io t’ho avvertita.
L’amore non se contraddice.
‘Na brava mamma nun lo dice

perché te vò vede’ felice,
ma come donna benedice
er coraggio d’anna ‘n fondo.
È ‘na legge de sto mondo.

Er dubbio rende più fecondo
er tormento ch’è profondo.
E se era l’òmo giusto?
Se poi annava tutto a posto?

‘Ste domande c’hanno ‘n costo,
dentro fanno ‘n bel trambusto.
Se c’hai ancora er batticòre
abbandona ogni timore.

Potrebbe esse’ er primo amore
oppure scopri ch’è ‘n errore.
Se non vivi non lo sai,
se non vivi sono guai.


Condiviti questa notizia su:
avatar A Gatta Morta (17 Pubblicazioni)



11 commenti su “[Sora Rosa e Serenella]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *