[‘A Gatta Morta]

AGM

L’amici sua me fanno ‘n sorrisetto:
er codardo j’avrà detto de stanotte.
C’ho ‘na voja de prendelo de petto,
ma quello me risponne co’ le botte.

So’ curiosa de sapè che j’avrà detto,
chissà che posizioni s’è ‘nventato.
‘Na cosa è certa, ce so’ annata a letto
e v’assicuro: ce l’ha corto e malandato.

Un giorno mamma disse ‘na grande verità:
“Pe’ na cosa sola ognuno è nato”.
E pure se l’ha detto tanto tempo fa,
ce penso sempre dopo che ho scopato.

Ve lo giuro: non chiedo mai la carità,
ma certi omini pe’ me so’ come doni:
li vedo e me vie’ voja de scarta’.
Non vojo vive a spizzichi e bocconi.

Se me piace uno, divento radicale,
soprattutto se c’ha i modi ‘n po’ terroni.
M’avvicino e je dico: “Famme male”,
buttando pe’ ‘n momento l’occhi sui cojoni.

Er sesso non te chiede niente de speciale,
è ‘n piacere, breve e senza impegno.
Invece co’ l’amore non pòi cambia’ canale
e rischi sempre che te lascia er segno.

La conosco la nomea che me so’ fatta:
“‘A gatta morta”, me dicono co’ sdegno,
poi sorridono e se toccano la patta,
così, davanti a me, senza ritegno.

Io me ‘ncazzo e je tiro ‘na ciavatta
e poi je urlo: “Voi non sete certo santi.
‘A gatta morta sarà pure matta,
ma è più viva lei de tutti quanti”.


Condiviti questa notizia su:
avatar A Gatta Morta (17 Pubblicazioni)



2 commenti su “[‘A Gatta Morta]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *