[Fantasia sul Tram]

Fantasia sul tram

Accaldata, tutta ‘n tiro, in quel tram assai affollato
Quell’odore primitivo sentivo sempre più vicino
I suoi occhi sul mio seno, lo sguardo ossessionato
Un grosso arabo barbuto, co’ ‘na traccia de divino

Sotto il suo stivale, er piede scivola sfacciato
Un’offerta remissiva a ‘na presunta onnipotenza
Un invito, sospettavo, per lui ‘n po’ sofisticato
Ma io spero che capisca e me metta ‘n penitenza

Lo stivale suo me sfiora, io divento tutta ‘n forno
Non devi aver paura, non oppongo resistenza
Me dice ‘nvece “scusa” e io penso “scusa un corno”
Si offre come schiavo, ‘no zerbino de tendenza

Delusa, ancora ardente, indignata guardo ‘ntorno
Poi je dico ormai severa: “Non so’ mica ‘na contessa!
Ordino, organizzo, faccio e disfo tutto er giorno:
Almeno a letto, bello mio, vojo esse sottomessa”


Condiviti questa notizia su:
avatar A Gatta Morta (17 Pubblicazioni)



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *