[Non m’uccise la prigione]

Non m'uccise la prigione

Non m’uccise la prigione ma du’ guardie carcerarie
Non spacciavo, me drogavo e vivevo n’aa caciara
Frequentavo spesso er sert che se trova a Pignattara
Ce provavo a uscinne fòri, co’ le forze mie contrarie

Non m’uccise la prigione ma du’ guardie sanguinarie
Che avrò fatto poi de male pe’ fini’ dentro ‘na bara?
Chi lo dice a mi’ sorella che de tutto questo è ignara?
C’è quarcuno che dichiara: “So’ disgrazie necessarie”

Non m’uccise la prigione ma le botte straordinarie
De du’ guardie che m’han messo ‘n mezzo alla cagnara
“Cazzo fate?” dico io, “Statte zitto, a cuccia e impara!”

Non m’uccise la prigione ma violenze immaginarie
Una sorte che co’ me s’è mostrata troppo avara
E la morte ha dimostrato d’esse sporca, farsa e amara


Condiviti questa notizia su:
avatar Er Bestia (39 Pubblicazioni)

VE DICO 'NA COSA CHE NUN È SEGRETA: / 'NA VORTA C'AVEVO ER RAP COME META / MO CHE DE RAPPER È PIENO ER PIANETA / ME SENTO 'NA SCHEGGIA A ESSE POETA! / E.B.



23 commenti su “[Non m’uccise la prigione]

  1. Ciao Stè…
    Impareremo mai che la divisa dovrebbe servire a proteggere e non ad ammazzare? Che dovrebbe servire a servire, e non ad abusare?

  2. salve!
    vi scrivo per conoscere , se possibile l’autore di questa poesia.

    io sono Simone Gamberi CANTAUTORE 24 enne che si è innamorato di queste parole…. senza divulgarle le ho messe in musica pero prima di usarle per un qualsiasi live sono qui a chiedere il permesso per poterla fare!

    A presto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *