[Er Cane]

Ai tempi pagani, er divino Vurcano
Cor ferro e ‘r fòco de ‘n’opera infinita
Forgiò ‘n animale tarmente umano
Che decise poi de daje vera vita

Ne fece dono a Giove Capitano
Ma quello la creatura concepita
La diede a Europa, che ‘r sovrano
Teneva asservita e… già ‘nfarcita

Quann’er fio Minosse venne scerto
P’esse giudice dell’anime dannate
Prese ‘nzieme a sé ‘sto dono offerto
Che mis’ a eterna guardia nell’Ade

Divenne ‘n mostro de cobra coperto
Co’ ‘ste tre teste parecchio ‘ncazzate
Sbraitava co’ fiato e grido sofferto:
– Lasciat’ogni speranza voi ch’entrate –

E pure che fosse armato d’artiglio
E pure che avesse ‘n odio che smostra
Ner mito se narra che ebbe scompiglio
P’er canto d’Orfeo, che amore dimostra

Er primo dei cani, ner suo nascondijo
Alla giustizia obbedisce e se prostra
Durante ‘sta vita, ve do ‘n ber conzijo:
Amate ‘ste bestie… o so’ cazzi vostra!

cerbero


Condiviti questa notizia su:
avatar Er Bestia (39 Pubblicazioni)

VE DICO 'NA COSA CHE NUN È SEGRETA: / 'NA VORTA C'AVEVO ER RAP COME META / MO CHE DE RAPPER È PIENO ER PIANETA / ME SENTO 'NA SCHEGGIA A ESSE POETA! / E.B.



29 commenti su “[Er Cane]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *