[Er Nòvo Catullo]

Pe’ avecce ‘no scopo n’è mai troppo tardi
Spero de ‘n fa’ un torto a Leopardi
Se esprimo co’ ‘e rime quello che penso
Ma solo scrivendo ritrovo il mio senso

Uso la lingua parlata pe’ strada
Certo: è romana, ma a molti j’aggrada
Nun c’ho come esempi fantasmi sur trono
So’ artri i Maestri… Manzoni, sta’ bono!

Maestri de vita, rapper romani
So’ miti ed eroi metropolitani
Li metterei in fila come fa Ovidio
Li seguo, li stimo però nun l’invidio

Perché de parole pur’io ce n’ho tante
Vorei gareggia’ cor maggico Dante
Co’ esiti incerti e certo infelici…
C’ho ‘n sacco de impicci, troppe Beatrici

Me sento poeta in modo diverso
Me sfogo sur muro donandoje un verso
Lo faccio pe’ tutti i concittadini
Che avrebbe detto de me Pasolini?

Quello che faccio è pura passione
Me magno li scrausi pe’ colazione
Abbraccio de Roma vite e coscienze
Come Boccaccio ha fatto a Firenze

Francesco D’Assisi scrisse ‘l suo Cantico
Lo scrivo pur’io, ma è Metroromantico
Lo dedico a tutte le donne der monno
Predico Amore, nun ve lo nasconno

Sto ‘n fissa pe’ l Rap, Roma e la Rima
Pe’ amici e fratelli valanghe de stima
Me manca la base, c’ho solo ‘e parole
Ma è musica sempre pe’ chi ce la vòle

Sfoggio ‘no stile che è mio solamente
Sui muri der monno appoggio la mente
Sull’odio e la noia poi me lo sgrullo
So’ er nòvo Catullo e vengo dar Trullo

1964921_814411615252029_354650320_n


Condiviti questa notizia su:
avatar Er Bestia (39 Pubblicazioni)

VE DICO ‘NA COSA CHE NUN È SEGRETA: / ‘NA VORTA C’AVEVO ER RAP COME META / MO CHE DE RAPPER È PIENO ER PIANETA / ME SENTO ‘NA SCHEGGIA A ESSE POETA! / E.B.