[Er Gatto]

Quanno je dissi – Famo ‘n bambino?
M’ha fatto senti’ davvero ‘n cretino…
Poi un bel giorno, caffè mattutino
me dice – Teso’, me compri ‘n gattino?

Pe’ falla contenta je compro ‘sto gatto.
In macchina strilla co’ l’occhi da matto,
poi ‘n braccio a lei sembra ‘n cerbiatto.
Iniziamo bene. Vabbè… er dado è tratto.

“Guarda che bello, daje ‘n bacetto!”
“Ma che sei impazzita? Quer maledetto…”
Tutto elegante er gatto sur letto
m’osserva superbo e in più circospetto.

Io coi gatti c’ho un rapporto strano…
Credo sia mejo me stanno lontano.
Ma dico “Provamo”… e poi piano piano
me ce avvicino e je tendo la mano.

Manco lo sfioro e quello già scatta,
me graffia, me morde, e rapido sarta.
La donna mia ride come ‘na matta.
Penso, tra me, “N’è mejo ‘na Gatta…?”

“Matte’ non lo devi tratta’ così male…
È ‘n poro gattino, mica ‘n cinghiale!
Guarda che modi e che posa regale!
Poi parli te che sei ‘n animale…?!?”

Davero davero? Ma chi te lo tocca!
Manco lo sfioro e quello me sbrocca!
C’ha ‘n pugno de chiodi ar posto d’a bocca.
‘N giorno t’o trovi appeso su ‘a forca.

Cor tempo diventa er vero padrone.
Cammina e se move come un leone.
Sembra che agisce sempre in missione…
Come se sta a organizza’ ‘n evasione!

Cor tempo lo sento meno balordo…
‘N po’ m’assomiglia, fiero ed ingordo
Dormìmo, giocàmo e annamo d’accordo
e non l’accannerò mai sul Raccordo.

Er Gatto


Condiviti questa notizia su:
avatar Er Bestia (39 Pubblicazioni)

VE DICO ‘NA COSA CHE NUN È SEGRETA: / ‘NA VORTA C’AVEVO ER RAP COME META / MO CHE DE RAPPER È PIENO ER PIANETA / ME SENTO ‘NA SCHEGGIA A ESSE POETA! / E.B.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *