[Sonetto pe’ ‘n amico]

‘Nsieme avemo fatto le prime marachelle.
La prima sigaretta, la prima nottataccia.
Se semo litigati le donne co’ le stelle,
‘nseguendo le più belle, dandoje la caccia.

Avemo scavarcato, ridendo a crepapelle,
notti avvelenate, sporcandoce la faccia
de neve, de sudore, de ‘n brivido ribelle,
de vita che a quei tempi… nun era ‘na minaccia.

Adesso, amico mio, te trovo ‘n mezzo ai guai.
Tu madre vie’ da me e piagne a non fini’…
Accannala, frate’, la roba che te fai…

C’hai er vòto dentro l’occhi, stai a scompari’…
Se continui su ‘sta strada presto morirai.
Non morire, pe’ favore. Te prego, nun mori’.

graffiti1


Condiviti questa notizia su:
avatar Er Bestia (39 Pubblicazioni)

VE DICO ‘NA COSA CHE NUN È SEGRETA: / ‘NA VORTA C’AVEVO ER RAP COME META / MO CHE DE RAPPER È PIENO ER PIANETA / ME SENTO ‘NA SCHEGGIA A ESSE POETA! / E.B.



6 commenti su “[Sonetto pe’ ‘n amico]

  1. Spero che ‘ste parole nun so’ buttate al vento, speranno ch’a la fine quarche cervello anche si pe’ caso ce cozzi contro, anche s’è poco è sempre mejo de gnente. Continuate così siete grandi; un vostro amico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *