Sonetto pe’ ‘n amico

‘Nsieme avemo fatto le prime marachelle.
La prima sigaretta, la prima nottataccia.
Se semo litigati le donne co’ le stelle,
‘nseguendo le più belle, dandoje la caccia.

Avemo scavarcato, ridendo a crepapelle,
notti avvelenate, sporcandoce la faccia
de neve, de sudore, de ‘n brivido ribelle,
de vita che a quei tempi… nun era ‘na minaccia.

Adesso, amico mio, te trovo ‘n mezzo ai guai.
Tu madre vie’ da me e piagne a non fini’…
Accannala, frate’, la roba che te fai…

C’hai er vòto dentro l’occhi, stai a scompari’…
Se continui su ‘sta strada presto morirai.
Non morire, pe’ favore. Te prego, nun mori’.

graffiti1

avatar Er Bestia (37 Pubblicazioni)

VE DICO 'NA COSA CHE NUN È SEGRETA: / 'NA VORTA C'AVEVO ER RAP COME META / MO CHE DE RAPPER È PIENO ER PIANETA / ME SENTO 'NA SCHEGGIA A ESSE POETA! / E.B.



6 commenti su “Sonetto pe’ ‘n amico

  1. Spero che ‘ste parole nun so’ buttate al vento, speranno ch’a la fine quarche cervello anche si pe’ caso ce cozzi contro, anche s’è poco è sempre mejo de gnente. Continuate così siete grandi; un vostro amico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.