[Al Bar]

albar

Du’ amici dentro ’n bar de Piazza Belli
Facevano ‘a scommette ‘n par de piotte
A chi riusciva a suon de  ritornelli
A daje alla barista ‘n par de botte

Er primo ordinando ‘n altro whisky
Parlando se sentiva ‘n latin lover
Er flipper prevedeva già er Game Over
Sviolinate da fa ‘nvidia ai musicisti:

“Te porterei su ‘n isola se serve
I cocktail finalmente li berrai
Lontano da ’sto bar  de sole berve
A te, Signori’, nun te tradirei mai “

Andò l’amico offrendo ‘n artro giro:
“E levate che pari ‘n pervertito
‘Sta signorina bionda tutta ‘n tiro
Nun cerca mica  te come marito!

Vorrebbe n’omo serio, intelligente
Che sia talvolta dolce ed altre duro
Se non risurto troppo impertinente
Le piacerebbe n’omo ‘n po’ maturo?”

Ar sesto whisky fatto ‘sta ragazza
Senza risponde male alle preghiere
Je diede ‘na risposta che li spiazza
Mettendo fine a tutte ‘ste chimere:

“Signori ve ringrazio de gran lunga
Nell’ascoltar  so’ stata un poco vaga
È l’ora che ‘na conclusione giunga:
Er conto de ‘sti whisky,  chi lo paga?”


Condiviti questa notizia su:
avatar Er Pinto (51 Pubblicazioni)



9 commenti su “[Al Bar]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *