[Caput Mundi]

Caput Mundi

Bella come ‘na donna che è attraente
Sa esse Madre, Amica e pure Amante
Qualcosa resta ‘mpresso nella mente
Er monno senza Roma nun è niente

Nun vojo raccontavve der passato
Li barbari, l’impero e le legioni
Tenemo a bada tutto er tempo andato
Narrato nelle classiche versioni

Ogni sampietrino c’ha esperienza
E te trasmette tutta la saggezza
Le luci de Natale a intermittenza
Davanti a te me fanno tenerezza

L’albe e li tramonti so’ fratelli
Pe’ te che li trasformi in cartoline
Ar Tevere specchiannose co’ quelli
Je prenne ‘n corpo tutte le matine

Te, Roma mia… te m’hai stregato
M’hai conquistato co’ la tua magia
Che pompa le emozioni a chi c’è nato
Chi c’è passato nun vò più annà via

Perché risolvi i dubbi dell’amore
Ai sentimenti dài scenografia
Scoprendoti me prenne er batticòre
E te va stretta ‘na fotografia

È facile descrive tutta l’arte
Che c’hai nel repertorio così grande
Sei ‘na vecchia mentre gioca a carte
Che stenne sopra a ‘n filo le mutande

E quando passo dentro a ‘n vicoletto
E guardo in alto e vedo i panni stesi
Te riconosco e tiro ‘n fori ‘r petto
De nasce a Roma forse te lo chiesi

A fatte li stornelli e le canzoni
Qualcuno pò pensa’ che esageramo
Ché pure altre città so’ perfezioni
Ma te sei Roma mia e io te amo


Condiviti questa notizia su:
avatar Er Pinto (51 Pubblicazioni)



11 commenti su “[Caput Mundi]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *