[Er Futbòl]

Er futbòl

Escivo de casa cor pallone sotto braccio
‘E scarpe mezze rotte… “dopo me l’ allaccio”
Alle 4 tutti ar prato, do c’avevamo ‘a punta
Le porte coi giacchetti e facevamo ‘a conta

Belli, forti, onesti e tutti ‘n po’ schierati
L’urtimo era er Ciccio coi piedi fucilati

Quanno che era freddo e nun eravamo tanti
quattro contro quattro i portieri so’ volanti
Cor sole e cor sudore s’ annava a’ fontanella,
e si era para e patta poi se faceva “a bella”

Da lunedì a domenica la trama nun cambiava
Er fiato era sospeso, er tango rimbarzava
Ar primo tiro storto quarcuno scavarcava,
non ce fregava gnente si la vecchia baccaiava.

Mo semo cresciuti e i ricordi so’ lontani
de quanno palleggiando sognavamo quei titani
Mo er pallone è zozzo troppi sordi e troppi guai
ma alla fine er primo amore… se sa ‘n se scorda mai!


Condiviti questa notizia su:
avatar Er Pinto (51 Pubblicazioni)



10 commenti su “[Er Futbòl]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *