[Er compagno tuo de banco]

Er compagno tuo de bancoLa mattina lo trovi che già sta seduto
Come sempre arrivi tardi e all’ultimo minuto
Lui già s’è sistemato e comincia a preparasse
Te nun hai studiato un cazzo e ce sta er compito in classe

Te metti a sede, spizzi un po’ la situazione
Gratuiti so’ l’ insulti e le minacce ar più secchione
Er professore indispettito s’aggira in mezzo ai banchi
Pensi a ‘n piano strepitoso, co’ le mani sopra i fianchi

Guardi bene le domande, preghi i santi, la fortuna
Mentre leggi pensi, “Cazzo nun ne so’ nemmanco una”
Che me ‘nvento?Come copio?Prendo er libro?Come faccio?
Torno a casa con un quattro e spiego a tutti ‘sto fattaccio?

Poi tutt’a’n tratto te se illumina er cervello
Se c’era un modo pe’sarvasse rimaneva solo quello
Proprio quando de provacce te sentivi quasi stanco
Guardi lui, vicino a te, er compagno tuo de banco

Era ‘n ora che scriveva e nun s’era mai fermato
Chiedi aiuto dici”Ao’, io lo sai, nun ho studiato!”
Nun te guarda mentre scrive lui te fa “de no” co’ ‘a testa
Poi pia er fojo e te lo passa co’ ‘na mossa svelta, lesta

Incominci a copia’ tutto più veloce della luce
Ma te blocchi “Che c’è scritto?” Jelo chiedi a bassa voce
Dice: “Daje deficiente copia tutto, come viene…”
Ma er compagno tuo de banco è amico tuo e te vòle bene!

 


Condiviti questa notizia su:
avatar Er Pinto (51 Pubblicazioni)



16 commenti su “[Er compagno tuo de banco]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *