[Vacanze Romane]

St’estate de qua, st’estate de là
Lo chiedi all’amici: Che demo da fa’?
Partimo, ‘nd annamo, mare o montagna?
D’estate cor callo me pia la cicagna

Annamo in un posto pieno de vita
C’è stata n’amica e s’è divertita
Lì se sta bene, er mare è ‘na bomba
Se balla, se beve, se ride e se tromba!

Annamo cor treno, l’aereo o la nave?
Sarà ‘na vacanza de notti brave
Ma costa ‘na cifra o Costa Crociera?
Sto ‘n bianco de brutto e la vedo nera

Se andassimo tutti a casa de coso?
Sta pure vicino e manco è costoso
C’è pure la festa co’ tutti gli stand
Partimo du’ giorni, se famo un weekend

“Ma dai, ma che schifo, a me nun me piace!
Quest’anno nun vengo se nun ve dispiace
Volevo anna’ a ‘n posto diverso, più bello
Conosco ‘n campeggio che è ‘n fiore all’occhiello!”

Vabbè, ma alla fine quanto voi spende?
Piamo la machina, ‘no zaino, du’ tende
Giramo la costa pe’ na settimana
Senza le ferie resto a Majana

Sennò se buttamo tutti ar paese
Tanto mi nonna ce va a fine mese
Portamo la carne e poi stamo a posto
C’annamo er quattordici pe’ ferragosto

“Ma falla finita, affittamo ‘na casa
‘Na piotta per uno e famo la spesa”
“Fai come te pare, er mare m’attira
Er vero problema è che ‘n c’ho ‘na lira”


Condiviti questa notizia su:
avatar Er Pinto (51 Pubblicazioni)



9 commenti su “[Vacanze Romane]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *