[Nel dubbio… ridi]

[Nel dubbio... ridi]

Questo è ‘no strumento stravolgente
Usarla non è facile pe’ niente
Se ne vien fatto ‘n uso intelligente
Sicuro chi la prova poi nun se ne pente.

Non c’è bisogno de ‘na dote innata
Pe’ mettese a contatto co’ st’ amica
Soltanto che è abbastanza delicata
Ma a molti je piace prennese ‘sta briga.

Alcune volte rende tutto chiaro
Altre volte nun te dà ‘na mano
Starai a pensa’ a chissà che de strano
Ma la malizia c’ha ‘n sapore amaro.

Trasmette le emozioni se sei bravo
Delle parole è solo la cornice
Spiengandoti, non la dimenticavo
Dai retta ar Pinto, a quello che te dice:

“Non devi mai pensa’ che nun sei bono
Oppure che de prova’ sei stanco
Se te riesce riconosci er sòno
E cerchi de riempi’ ‘sto foglio bianco.

Ma questo vale pure nella vita
Non è che te sto a fa’ la paternale
Insisti sempre pure se è in salita
E ridi pure se te senti male.”

Ma ritornando a noi, dici, in finale
De cosa s’ è parlato tutto il tempo?
De quello che pe’ me è fondamentale
Senza de lei sarei ‘no stereo spento.

E dopo che t’ho dato questi indizi
Me spiace non averlo detto prima
Il dubbio resta uno dei miei vizi
Ma t’ho parlato solo della rima.


Condiviti questa notizia su:
avatar Er Pinto (51 Pubblicazioni)



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *