[Messalina]

C’era ‘na donna nell’antica Urbe
Che diede alla città giganti turbe
De trasgressione possedeva ‘r podio
Più corna che alloro ‘n testa a Claudio

La notte ‘sciva intinta de profumo
Sull’occhi l’anitmonio er nerofumo
Capezzoli dorati er suo pudore
De giorno moglie dell’imperatore

Se ‘nnamorò de Gaio ‘n tipo serio
Cor quale fece illecito adulterio
Pe’ dijelo nun basteno i vocaboli
Era mignotta dentro a li postriboli

Finché ‘n certo Narciso nunché Liberto
Che a fasse i cazzi sua era ‘n esperto
Tra i due c’ha dovuto infila’ er dito
E ha riccontato tutto a su’ marito

Er poro Claudio sconcertato abbozza:
“Ma li mortacci vostra e de ‘sta zozza!”
“Lei stanca, ma non sazia, forse smise”
Nun descrissero parole più precise

Claudio ‘ncazzato nero sceso a corte
Ha condannato moje e amante a morte:
“Da l’Orti Luculliani, oggi, nun torna
Così se ‘mpara a metteme le corna”

E mentre l’uccideva un suo tribuno
Che si nun sbajo se chiamava Bruno
Je disse na gran perla de saggezza:
“De Roma ‘ntera ne fai piagne mezza!”

[painting by James Bama]

[painting by James Bama]


Condiviti questa notizia su:
avatar Er Pinto (51 Pubblicazioni)



8 commenti su “[Messalina]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *