[Er Fenicottero cor Somarello]

Un giorno un fenicottero incontra un somarello
Che annava de consueto verso er parlamento
Lo ferma all’improvviso dicendo “Senti bello
È ora che affrontamo, da grandi, l’argomento

Perché nun c’ho diritti, io povero uccelletto?
Forse perch’Iddio m’ha fatto ‘e piume rosa?
Perché me sento libero sur chi portamme a letto?
Ama’ lo stesso sesso è cosa scandalosa?”

Allora er somarello testardo e indispettito
Risponde che la legge va sempre rispettata
“Tra moje e tra marito nun devi mette er dito
Te pensa tra dù moji, che cosa sconsigliata”

Er poro fenicottero triste e sconsolato
Nun sa se da’ la corpa a Iddio o ar Vaticano
“Che c’è de complicato, perché nun so’ accettato?
Nun so’ io stesso uguale ad ogni fio cristiano?”

Je disse rassegnato ar duro somarello
“De tanti desideri sai quale avvererei?
D’avecce tanti fiji, de vive in un castello
La libertà dei sessi e i matrimoni gay”

Er Pinto

Matrimoni-gay2


Condiviti questa notizia su:
avatar Er Pinto (51 Pubblicazioni)



29 commenti su “[Er Fenicottero cor Somarello]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *