[Er còre è ‘n muscolo]

Augusto, ch’era n’omo bello duro
Vedendom’esse triste, moggio moggio
Me chiese quale mal pensiero oscuro
Rendesse er muso fisso all’orologio

Ma io nun je risposi propriamente
Giravo er cucchiaino ne ‘a tazzina
Intanto me se ‘ntorcinava er ventre
Ma a questo mal non v’era medicina

“Che hai fatto?” m’arichiede er fustacchione
Mentre ‘ncantato a questo mondo escluso
Tornai per dare all’uomo spiegazione
De tanta spossatezza e alquanto muso

“Vedi Augusto amico muscoloso
‘Na cosa sola rende ‘n omo inerme
Dar più fregnone a quello più orgojoso
Che pensa d’esse cobra ‘nvece è verme

L’amore, caro mio, c’ha ‘n gran potere
è ‘na pozzione maggica potente
Te fa’ vola’ fra ‘e nuvole leggere
Ma riesce a fatte scenne con un niente

Abbasta ‘na parola detta male
‘Na litigata, a vorte anche er marchese
Pe’ trasforma’ l’amore in un pugnale
Pe’ fa’ parla’ lo stomaco in cinese

E a te che pensi d’essete sarvato
Che vòi fa’ l’omo duro, prorompente
Te dico che chi mai s’è ‘nnammorato
De ‘sto pianeta nun ha visto niente”

erpintopdt

 


Condiviti questa notizia su:
avatar Er Pinto (51 Pubblicazioni)



41 commenti su “[Er còre è ‘n muscolo]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *