[La Morte]

lamorte

Nun me darò er tormento
Pure quanno arivo all’ora giusta
Quanno che verrà er momento
De non risponne più all’appello
De mette sopra ‘r letto ‘sto cappello

E voi sì che piagnerete lacrime
Amare de tristezza a còri sfranti
M’accenerete ‘n cero lì davanti
Nun ce saranno Fatime e misteri
Ma fiori, fiocchi neri e cimiteri.

La fine della vita poi è ‘n debutto
Ner monno dove forse se sta mejo
Je damo un nome brutto, stamo ‘n lutto
“Nun è più svejo dentro ar monno ‘nfame”
È triste a fa’ la bara un falegname

Ridete amici mia, fateve forza!
La morte è ‘na ferita senza crosta
Ma non dimenticate che saremo
Saremo tutti un’anima de quelli
Che noi chiamamo “li mortacci vostra”!


Condiviti questa notizia su:
avatar Er Pinto (51 Pubblicazioni)



3 commenti su “[La Morte]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *