[Gianicolo]

gianicolo

Era Domenica mattina, splendeva forte er sole
Ai tempi in cui era festa per un lavoratore
Ar che pure mi padre poteva sta’ a riposo
E usciva co li fiji pe’ rendese orgoglioso

Allora qualche volta, me lo ricordo poco
S’annava su ar Gianicolo ed era un nuovo gioco
Perché c’era er ritrovo de grandi e regazzini
Che guardeno er teatro, però dei burattini

Er Diavolo simpatico in testa lo martella
Quer solito fregnone chiamato Purcinella
Fa ridere i bambini narrando le sue gesta
I corpi so’ de pezza, de legno era la testa

E c’era a ricordatte che s’era fatto tardi
L’insolito rimbombo da sotto ar Garibardi
A mezzoggiorno ‘n punto sparava a perfezione
Er botto inconfonnibbile dettato dar Cannone

Se ritornava a casa er malinconico ritorno
A trasformallo bello era la pasta ar forno
E mamma ce chiamava: -Dài bimbi che se magna!
Domenica in famiglia, burattini e la lasagna


Condiviti questa notizia su:
avatar Er Pinto (51 Pubblicazioni)



14 commenti su “[Gianicolo]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *