[Nonna]

Appoggiavo sur tuo seno
la mia testa da bambino.
Me facevi sta’ sereno…
– Sei ‘l mio piccolo purcino!

Preparando ‘a colazione,
me chiamavi con affetto.
Ero già ‘n gran fannullone:
– Daje, scenni da quer letto!

Poi divenni ‘n casinaro.
Tutto er giorno a fa’ caciara!
Alle medie ero ‘n somaro:
– Fa’ ‘r bravo ‘a nonna cara!

Cor tempo sei ‘nvecchiata.
Mangi poco, senti male…
Stai tutta rannicchiata,
troppo spesso in ospedale.

Sei sempre più indifesa.
Se allontana la memoria.
Vorrei fatte ‘na sorpresa,
sussurrandote ‘na storia…

‘Na storia che ‘n finisce…
Non vorrebbe fini’ mai!
‘Na storia che svanisce…
Nonna mia, me mancherai.

Come Roma tu sei grande.
Come Lei sei illuminata
da ‘n amore che s’espande
pe’ ogni ruga, pe’ ogni strada.

Torneremo a esse cenere.
Torneremo a esse niente.
Vorrei esse er fiume Tevere,
che te passa dentro, sempre.

Sta finendo ‘l nostro giorno.
Le speranze, malridotte,
non faranno più ritorno.
Scende immobile la notte…

Scende ‘a curva de ‘sti anni
che ce sporcano le dita.
Sale l’ombra degli affanni…
Ce vorebbe ‘n artra vita!

Io non temo la distanza!
Score er sangue tuo n’e vene.
Piango e urlo in lontananza:
Nonna mia te vojo bene!

Nonna


Condiviti questa notizia su:
avatar Inumi Laconico (33 Pubblicazioni)



27 commenti su “[Nonna]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *