[La strada mia]

Ce vòle coraggio a datte le spalle
Quanno c’hai er buio dentro, cattivo
Da te i miei pensieri come farfalle
Tornano sempre in modo ossessivo

Roma, ogni vorta che m’allontano
So’ sempre migliore senza de te
Ma è scritto sur palmo della mia mano
Ner bene e ner male sei parte de me!

Roma pappona, Roma stracciona
Cantata e sònata, ripresa e firmata
‘N po’ fastidiosa, Roma sta’ bbona!
Ma bona se sa… nun ce sei mai stata!

Sei stata de tutti e poi de nessuno
Hai aperto le gambe a chi te vò male
A me m’hai lasciato spesso a digiuno
Non sempre sei stata Madre ospitale…

De te m’hai mostrato er lato peggiore
Er buio che oscura i raggi der sole
M’hai visto cadere ‘n fondo all’errore
Dove er dolore nun c’ha più parole

Sarebbe perfetto ‘n bel ritornello
Dopo ‘na strofa che c’ha ‘n certo peso
Come ogni classico antico stornello
Che col ritornello è mejo compreso

E invece rimane ‘n senso incompiuto
De chi c’ha ner petto un tale groviglio
Che mai j’ha permesso de chiede ‘n aiuto
Cercanno da solo ‘n quarsiasi appiglio

Quanno ho sentito forte il bisogno
De di’ chiaro e tondo come la penso
S’è aperto ‘sto mondo come ‘n un sogno
E co’ la poesia ho trovato er mio senso

È stato in un verso che ho visto la luce
È stato normale che fosse romano!
Un sòno diverso da ogni altra voce
Che ha dentro de sé un dorce uragano

Ma Roma lo sai, la colpa è ‘n po’ tua!
Da un còre romano mai andrai via…
Ognuno percorre ‘na strada che è sua
La mia, ce lo sai… se chiama poesia!

La strada mia


Condiviti questa notizia su:
avatar Inumi Laconico (33 Pubblicazioni)