[La Nuvola]

La Nuvola all’Eur, fatta de vetro,
ce guarda passa’ cor vecchio pandino.
Ricambi lo sguardo e fai marcia ‘ndietro.
Hai modi imponenti. Ritorno bambino.

Proprio all’incrocio co’ la Colombo
scenni pe’ strada e inizi un discorso
co’ mani tremanti e un cielo de piombo…
Della tua voce seguo er percorso.

Lo sfondo ce svela le costruzioni,
opere in corso de tutto er quartiere.
E te, Nonno mio, me guardi e me sproni
a coje le cose, avecce un parere.

T’ha sempre corpito l’architettura,
conosci a memoria quella romana.
Er vento se arza e mette paura…
La Nuvola parla, co’ voce lontana:

“Costretta ner grande freddo cantiere,
aspetto diventi figlia de ‘n genio.
Sbattuta in eterno studio ‘r quartiere,
ve vedo ogni giorno anna’ ‘r Sant’Eugenio.

Ormai a tu Nonno resta ben poco.
Er viaggio è finito, prepara te stesso.
Pensa che ‘n fonno è solo un trasloco.
Lui nun te lascia. Te l’ha promesso.”

E mentre parlavi de case, edifici
la Nuvola in me, dentro, tuonava.
Me caddero addosso momenti felici
e gelide lacrime er vento portava.

T’ho stretto de colpo, senza pensare…
Rigido e serio pe’ quarche secondo
poi te sei sciorto, goccia ner mare
de tutte le tristi speranze der monno.

La Nuvola, oggi, sempre de vetro,
me guarda passa’ cor vecchio pandino.
Resto in silenzio e senza anna’ ‘ndietro
inseguo le nuvole come un bambino.


Condiviti questa notizia su:
avatar Inumi Laconico (33 Pubblicazioni)



45 commenti su “[La Nuvola]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *