Un Segreto

A volte t’ho vista piangere sola
seduta sul letto, di spalle alla porta.
Forse pensavi al tempo che vola,
a quello che prende e poi non riporta.

T’ho vista annodare spesso la gola
fingendo che Tanto, ormai… non importa.
Ma non c’è mai stata una sola parola
che, lì soffocata, davvero sia morta.

Mamma adorata, nascondi un segreto
di rose, d’amore e vento di Fatima.
Vivo, terreno, fragile, inquieto.

Qualcosa che scava, dentro, nell’anima…
Mai lo dirai e io non lo chiedo
ma lo cercherò in ogni tua lacrima.

...

avatar Inumi Laconico (33 Pubblicazioni)



108 commenti su “Un Segreto

  1. ‘A mamma

    Chi tene ‘a mamma
    è ricche e nun ‘o sape;
    chi tene ‘a mamma
    è felice e nun ll’apprezza

    Pecchè ll’ammore ‘e mamma
    è ‘na ricchezza
    è comme ‘o mare
    ca nun fernesce maje.

    Pure ll’ommo cchù triste e malamente
    è ancora bbuono si vò bbene ‘a mamma
    ‘A mamma tutto te dà,
    niente te cerca

    E si te vede chiagnere
    senza sapé ‘o pecché…
    Te stregne ‘mpietto
    e chiagne ‘nsieme a te!

    (Salvatore Di Giacomo)

  2. ‘A mamma

    Chi tene ‘a mamma
    è ricche e nun ‘o sape;
    chi tene ‘a mamma
    è felice e nun ll’apprezza

    Pecchè ll’ammore ‘e mamma
    è ‘na ricchezza
    è comme ‘o mare
    ca nun fernesce maje.

    Pure ll’ommo cchù triste e malamente
    è ancora bbuono si vò bbene ‘a mamma
    ‘A mamma tutto te dà,
    niente te cerca

    E si te vede chiagnere
    senza sapé ‘o pecché…
    Te stregne ‘mpietto
    e chiagne ‘nsieme a te!

    (Salvatore Di Giacomo)

  3. Pur avendola persa ormai 30 anni fa, proprio il giorno dopo della Festa della Mamma, è rimasta dentro di me, la mia Mamma, e ora ancor di più che oltre ad essere Mamma sono anche Nonna! Bellissima poesia, grazie.. Mi ha commossa tanto! Maria Rosaria detta Ro’. 🙂

  4. Ps: Rileggendo questa poesia che, ripeto, è bellissima, vorei però far notare ai ‘Poeti der Trullo’ che in romanesco non si scrive ‘nun’ e davvero ‘davero’, tutte le parole con l’articolo, es. sul, dal vengono scritte ‘sur’, ‘dar’ e così via.. E puro che prenne (che prende) etc.. Scusate ma per quel che ricordo io che mi diceva la mia mamma, romana de 7 generazzioni, che però quanno parlava voleva che se finissero le parole e invece er dialetto romanesco le tronca: magna’, anna’, compra’, etc.. Ho diversi libbri de Trilussa, de Cesare Pascarella, e ogni tanto confronto le vs poesie co’ quelle de loro e devo favve nota’ che se scrive come ve dico io! Solo pe’ dovere de bbona romana.. Cordialità! Ro’. 🙂

  5. La mia mamma ci ha lasciato 27 anni fa ma io la sento sempre accanto a me,forse nella stanza accanto,mentre riordina un cassetto o si fa sulla porta per osservarmi.
    Fisicamente è dall’altra parte,ma il suo cuore è con me!
    Bella poesia e grande DI GIACOMO!

  6. Ciao, vi leggo spesso e mi emozionate sempre.
    Amo Roma e amo la poesia. Riuscite a decifrare e descrivere tante emozioni che non si potrebbero altrimenti esprimere.
    Un segreto – In questo caso io sono la mamma, che nasconde un mondo dove si rifugia perchè l’infelicità della mamma è un concetto che non deve esistere…. Quanta verità…. Vi abbraccio da Mantova

  7. mi piacerebbe sognare.. sognare che sia vero quello che penso.. quello che da sempre spero.. quello che vorrei fosse vero. Vero <3 Vero <3 Vero <3 .. Vero <3 Un sogno Vero <3 allora sì.. chè avrebbe tutto un senso..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.