[Gambe Intrecciate]

[drawing by Martine Johanna]

[drawing by Martine Johanna]

Gelido er còre… lo vedi dai gesti.
Manco cor sole ormai me riscallo.
“Pe’ tutta la vita” tu me dicesti
e io te portavo su un piedistallo.

Er nostro corallo s’è fatto metallo
Frantumi i suoi pezzi e poi li calpesti.
Da sopra ‘n oscuro e fosco cavallo
li vedo lontani i tuoi occhi celesti.

‘Sto monno è perfetto visto dal letto.
Gambe intrecciate le nostre autostrade.
Er viaggio è finito ed ha questo effetto:
come a un drogato un fascio de spade.

Le parole più adatte non so’ così astratte
come i ricordi co’ cui poi me sballo…
C’ho ‘n’amarezza che batte e risbatte.
Er còre era vivo… mo è de cristallo

Dolore me offri un certo intervallo?
Me serve la forza pe’ arzamme e combatte.
La luce s’è spenta nell’ultimo ballo,
‘e poesie che t’ho scritto se so’ liquefatte.

‘Sto monno è perfetto visto dal letto
Gambe intrecciate le nostre autostrade
Er viaggio è finito ed ha questo effetto:
come a un drogato un fascio de spade.

‘Sto monno è perfetto se è visto dal letto
ma poi quanno t’arzi addosso te cade.
Er tempo trascorso appoggiata a quer petto
è un tempo che nasce, te bacia e poi scade.

Er tempo trascorso appoggiata a quer petto
è un tempo che nasce, te bacia e poi scade.


Condiviti questa notizia su:
avatar Marta der Terzo Lotto (25 Pubblicazioni)

Mi chiamo Marta e vengo dal Terzo Lotto, quartiere Trullo. Amo le nuvole, la natura e la letteratura. Ho iniziato a scrivere sotto la spinta dell'innamoramento. Per me la poesia, le parole, le canzoni sono tutte articolazioni e organi dell'Amore, senza le quali non potrebbe muoversi né respirare.



6 commenti su “[Gambe Intrecciate]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *