[Lamento]

Lamento

Non so di’ se c’è ‘n motivo
se ogni vorta che me vivo
un rapporto più impegnato
scelgo sempre er più ‘mpicciato!

È ‘n casinaro, è risaputo,
nun me chiede mai ‘n aiuto.
E la notte torna stanco…
Còre gonfio e viso bianco.

E so’ io che m’avvicino,
madre in ansia, lui bambino.
“Parla amo’, ‘n fa’ i capricci…”
“Lascia perde, troppi impicci…”

E lascio perde, come sempre!
Poi però, più dorcemente,
coi miei occhi io lo strego…
“Marta, ascortame, te prego.

Tu li sai i guai che c’ho,
sto infognato” “Sì, lo so.”
“Ma se penso a te me viene
un benessere n’ee vene…”

Me accarezza e me promette
che nun finirà in manette.
Me fa scioje corpo e còre,
tutta ‘a notte a fa’ l’amore…

‘A sera dopo sempre uguale,
torna a esse ‘n criminale.
Ma lo amo, e ‘n so che fa’…
Penso “Un giorno cambierà!”

Ed è l’amore che te frega:
tutto prende e nulla nega.
Prende dosi e sentimento
e nun me nega ‘sto lamento.


Condiviti questa notizia su:
avatar Marta der Terzo Lotto (25 Pubblicazioni)

Mi chiamo Marta e vengo dal Terzo Lotto, quartiere Trullo. Amo le nuvole, la natura e la letteratura. Ho iniziato a scrivere sotto la spinta dell'innamoramento. Per me la poesia, le parole, le canzoni sono tutte articolazioni e organi dell'Amore, senza le quali non potrebbe muoversi né respirare.



5 commenti su “[Lamento]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *