[Paoletto er tossico]

Giro Roma, sempre a scrocca’ du’ spicci
e dico a tutti che so’ solo pe’ magna’:
ma chi conosce er monno come va,
lo sa che poi ce vado a fa’ l’impicci.

La medicina che me serve pe’ campa’
me tocca pijalla pe’ nun fa’ i capricci:
me sale ‘n testa e pare che s’appicci
un fòco callo nelle vene, a volontà!

E nun me frega niente se m’ammazza,
me scancella pe’ un momento ogni dolore
de ‘sta vita, che dà giù come ‘na pazza.

E se poi guardo le stelle, lo sai amore,
pareno propio tutte della stessa razza:
tanti buchi ne le braccia der Signore.

[Danilo Ippoliti – Ottavo Poeta #11]

Paoletto


Condiviti questa notizia su:
avatar Ottavo Poeta (48 Pubblicazioni)

L'Ottavo Poeta viene scelto tra coloro che inviano i loro testi alla mail ottavo.poeta@poetidertrullo.it e viene pubblicato e diffuso sulle nostre piattaforme. Poeta a rotazione, fa parte del nostro gruppo per un breve periodo per poi lasciare spazio agli altri aspiranti.



9 commenti su “[Paoletto er tossico]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *