[Il Demone]

Dispotico e vorace
Vien dal nulla, prima tace
Poi t’aggira e ti rigira
Mentre culla la sua ira

Muore il lume razionale
Le parole vanno al male
Tutto il corpo si fa muto
Il moto è odio trattenuto

“Stringi stringi e se t’alleni,
sempre dentro lo respingi”
dicono gli dèi terreni
contrastando i miei veleni.
“Ma che stringo, che lui spinge.
Giuro non son io che fingo”

Se c’è un demone lì dentro
Allora ecco cosa sento
Quando cado e mi addormento
Dalla pace del momento

Suonano le trombe
S’infrangono gli oggetti
Queste braccia si fan quelle
Queste azioni ignoti getti

La mia testa un po’ malata
Cede al mostro il suo terreno
Contrastando assai ben poco
Quel dispotico veleno

“Stringi stringi e se t’alleni,
sempre dentro lo respingi”
dicono gli dèi terreni
contrastando i miei veleni.
“Ma che stringo, che lui spinge.
Giuro non son io che fingo”

Ma d’altronde il mio tumore
Quel bisogno di rumore
Si è annidato grasso e forte
Pervadendo la mia sorte

Catturando anche l’amore
Mi ha ubriacata del suo amaro
Ora è proprio tanto caro
E non lo voglio mandar via

[Giulia Capozzi – Ottavo Poeta #13]


Condiviti questa notizia su:
avatar Ottavo Poeta (48 Pubblicazioni)

L'Ottavo Poeta viene scelto tra coloro che inviano i loro testi alla mail ottavo.poeta@poetidertrullo.it e viene pubblicato e diffuso sulle nostre piattaforme. Poeta a rotazione, fa parte del nostro gruppo per un breve periodo per poi lasciare spazio agli altri aspiranti.



4 commenti su “[Il Demone]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *