[Ora et Raoul Bova]

Quant’è bella sicurezza
da Trieste giù a Scampia
vonno mettece ‘na pezza
co l’indurto e l’amnistia.

Disse a Vespa ‘n senatore:
stanno pieni, nun c’è posto,
ogni cella a San Vittore
pare Capri a ferragosto.

Nun pigliamoli pe’ scemi
anzi sorge ‘n dubbio atroce:
pe’ decide dei problemi
fanno forse Test’o Croce?

Ora et Raoul Bova

Ma a ‘sta gente più ‘ndifesa
ogni tanto ce pensate?
Pure er bussolo alla chiesa
oramai se paga a rate.

C’è mi nonna poveraccia
quanno vede la pensione
j’esce quarche parolaccia
e je s’arza la pressione;

nun je fece affatto bene
de sape’ ‘sta cosa nova,
giorni fa momenti sviene
p’er divorzio de Roul Bova.

Poi però co’ l’aspirina
je passarono i dolori:
vide Arbano co’ Romina
e bonanotte ai sonatori.

[Danilo Ilari – Ottavo Poeta #14]


Condiviti questa notizia su:
avatar Ottavo Poeta (48 Pubblicazioni)

L’Ottavo Poeta viene scelto tra coloro che inviano i loro testi alla mail ottavo.poeta@poetidertrullo.it e viene pubblicato e diffuso sulle nostre piattaforme. Poeta a rotazione, fa parte del nostro gruppo per un breve periodo per poi lasciare spazio agli altri aspiranti.



13 commenti su “[Ora et Raoul Bova]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *