[L’occhi tua]

Te domannai ‘na vorta de spiegamme la raggione
der perché si te guardo io m’abbrucio de vita,
co’ ‘n core grosso che pare ‘na fiamma ‘mpazzita
che scrocchia viva e m’ariscalla mejo de ‘n tizzone.

M’arisposi: “Giovino’, io c’avrei la risposta
che tanto vai cercanno ‘nder quesito che me poni,
ma si te la dicessi smonterei mille illusioni
che te seguono da che m’hai visto pe’ la prima vorta.”

Nun te chiesi più gnente, m’abbastò quer discorzo,
de butta’ giù castelli in su pe’ l’aria me ne moro!
Perciò ancora te guardo, ancora scotto e nun me smorzo,
ma recito la parte brutta dell’amico d’oro.

Che pena che me fa vedette ride ‘nsieme all’artri
girandote ‘gni tanto come pe’ famme ‘n dispetto,
spero tu ce lo sappia che li maschi so’ scartri
e si rideno co’ te è perché te vonno drent’ar letto.

Lo voi sape’ che fo? Me sa che me ne vado,
che tanto de soffri’ pe’ te nun c’ho più fantasia,
quell’occhi li conosco e scusame si nun so ‘n grado
de resta’ e dimenticammeli si nun pòi esse mia.

Comm’è triste la vita si ‘nte posso tene’ stretta
e sussuratte quanto te volevo e quanto t’amo,
mo che te vedo drent’ar fumo de ‘na sigaretta
si m’abbrucio è perché penzo che me guardi da lontano.

[Er Borsa – Ottavo Poeta #15]


Condiviti questa notizia su:
avatar Ottavo Poeta (48 Pubblicazioni)

L'Ottavo Poeta viene scelto tra coloro che inviano i loro testi alla mail ottavo.poeta@poetidertrullo.it e viene pubblicato e diffuso sulle nostre piattaforme. Poeta a rotazione, fa parte del nostro gruppo per un breve periodo per poi lasciare spazio agli altri aspiranti.



30 commenti su “[L’occhi tua]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *