[Nina e Franco]

Siciliana e prosperosa Nina,
s’arzava presto ogni mattina.
Franco, romano e ‘n po’ pajaccio,
er còre suo nun era de ghiaccio.

Nasceva l’amore tra i vicoli der Ghetto
e c’ha fatto scappa’ quarche bacetto.
Ballavano la rumba, cor còre ‘mpazzito…
“’A Ni’, me fai tocca’ er cielo co’ ‘n dito!”

Franco, omo d’artri tempi, la invitava.
Da bravo Cicerone pe’ Roma la portava.
Ma ‘n ber giorno, confuso, tutto de botto,
ha esordito dicendo: “così io me scotto!”

Prima de fini’ in un ber grosso guajo
al loro amore era mejo dacce ‘n tajo!
A Nina porella er core s’è fermato
ma da vera donna l’ha assecondato.

Nun passava manco ‘n giorno
che er sor Franco, ‘scito dar forno,
se fiondava tra ‘e braccia de Nina,
contento de riavecce la sua fornarina!

Er seguito poi, nun se pò racconta’
perché ‘sti pischelli c’hanno avuto da fa’.
L’amore, quello vero, non ha lontananza:
Nina vede ancora il suo cielo nella stanza.

[Lella Der Ventinove – Ottavo Poeta #16]

Rievocazione storica degli anni '50 - Ca' Gavaggio - Corna Imagna (BG)


Condiviti questa notizia su:
avatar Ottavo Poeta (48 Pubblicazioni)

L’Ottavo Poeta viene scelto tra coloro che inviano i loro testi alla mail ottavo.poeta@poetidertrullo.it e viene pubblicato e diffuso sulle nostre piattaforme. Poeta a rotazione, fa parte del nostro gruppo per un breve periodo per poi lasciare spazio agli altri aspiranti.



17 commenti su “[Nina e Franco]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *