Le Scarpe – di Camelia dal Monte

In un parco de betulle e de sambuco
‘N regazzino camminava pensieroso
Co’ lo sguardo mpo’ distratto e mpo’ scontroso
Su le scarpe, che c’avevano un gran buco

Malediva la ricchezza e ‘l monno intero
Co’ l’invidia de chi magna a giorni alterni
De chi passa sia l’estati che l’inverni
A cerca’ de sopravvive al cimitero

Quanno passa dietro al salice piangente
Vede un fijo che sta a sede su una panca
Stessa età, ma co’ l’aria meno stanca
E de certo ‘l conto in banca consistente

Co’ ‘n sorriso che arrivava all’altro orecchio
Stava fermo a godesse la frescura
Co’ la maja, li carzoni e la cintura
E du’ scarpe che parevano de specchio

‘L regazzino col ditone in fòrigioco
Se nasconne dietro a ‘n tronco rosicanno
Ed esprime, manco fosse ‘l compleanno
‘L desiderio d’esse l’altro, anche pe’ poco

Pe’ miracolo o forse pe’ disdetta
‘L desiderio je s’avvera all’improvviso
E se ritrova su la panca col sorriso
E ‘l riccone dietro l’albero a vedetta

Prima ancora de godesse la ricchezza
Vede l’altro che festeggia come un matto
Salta e corre, non je frega d’esse sciatto
Da seduto je fa pure tenerezza

Fa pe’ alzasse a spiegaje l’accaduto
Quanno arriva ‘n’ infermiera grassottella
Che distratta lo sistema in carrozzella
E lo spigne verso un monno da seduto

Apprezzamo tutto quello che c’avemo
Che c’è sempre chi sta peggio pe’ davero
E col rischio che diventi tutto vero…
… attenzione ai desideri che esprimemo

[Camelia dal Monte – Ottavo Poeta #20]

camelia dal monte

avatar Poeti der Trullo (84 Pubblicazioni)

I Poeti der Trullo sono un gruppo di sette ragazzi del quartiere Trullo, alla periferia di Roma. Un movimento che parte dalla periferia e si diffonde e si espande attraverso la rete. Una mentalità metroromantica, con una forte componente urbana.



73 commenti su “Le Scarpe – di Camelia dal Monte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.