[Còre Infranto]

Dice d’anna’ avanti
Er monnno n’è finito
Dice “N’ ce pensa’
Ma che nun hai capito?”

Ma l’altri che ne sanno
Der còre tuo ferito?
Nun possono comprenne
Ciò che t’ha colpito

T’affacci e vedi er sole
Ma l’occhio se richiude
Come si nun vòle
Come se je rode

Nun riesci a ragiona’
Nemmeno c’hai più fame
Te pare d’esse solo
Chiuso in una gabbia

Pensi: “Ma che ho fatto?
Perché ‘sto monno ‘nfame?”
Ner petto un gran dolore
Rimpianto e pure rabbia

Te chiedi se è la vita
Te mancano i momenti
La voresti fa’ finita
Nun vòi amici, né parenti

Soltanto lei c’hai ‘n testa
Sperando che ritorni
Che se l’amore resta
Te porti lì a quei giorni

Non smetti de pensalla
Nemmeno pe’ ‘n seconno
Dici: “Io vojo aspettalla
Cascasse pure er monno!”

Er còre quann’ è infranto
Nessuno lo ripara
Tra l’amarezza e ‘r pianto
Tra un film e ‘na chitara

Nun resta che sta bòni
Fermi, zitti e speranzosi
Che domani lei ritorni
E che magara…te la sposi!

[Teagomi – Ottavo Poeta #30]

10660929_637704536350881_1544311532_n


Condiviti questa notizia su:
avatar Ottavo Poeta (48 Pubblicazioni)

L'Ottavo Poeta viene scelto tra coloro che inviano i loro testi alla mail ottavo.poeta@poetidertrullo.it e viene pubblicato e diffuso sulle nostre piattaforme. Poeta a rotazione, fa parte del nostro gruppo per un breve periodo per poi lasciare spazio agli altri aspiranti.



38 commenti su “[Còre Infranto]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *