Er conflitto – di Er Folle

Ridateme l’amore, m’è stato rubato
Ridateme l’occhi, m’hanno accecato
Rivojo er còre che mo è congelato
Rivojo er dolore che m’hanno strappato

Davanti allo specchio vedo ‘na crepa
È l’anima mia che piano se inquieta
Ho perso per sempre la luce perpetua
Medusa me tocca, divento de pietra

De fronte a st’oblio sento ‘na scure
Strigne sur collo co’ tante paure
De gesta che prima eran sicure
Ora sprofonnano in acque sulfuree

Er bene e ‘r male s’appoggiano sopra
Giocano a carte, ‘a menzogna fa scopa
Cercando quarcosa a cui da’ la corpa
Poiché la realtà d’un tratto è distorta

Ce stanno le rime a damme conforto
So’ libere e ‘n c’hanno ragione né torto
Quarcosa se strigne ar core contorto
Solo ‘a poesia me rende risorto

Come un sordato seguo i poeti
Pe’ cancella’ l’errori e i divieti
Co’ loro se formano forti radici
La vera vendetta è esse felici

[Er Folle – Ottavo Poeta #31]

pinocchio-narciso-100x100

avatar Poeti der Trullo (84 Pubblicazioni)

I Poeti der Trullo sono un gruppo di sette ragazzi del quartiere Trullo, alla periferia di Roma. Un movimento che parte dalla periferia e si diffonde e si espande attraverso la rete. Una mentalità metroromantica, con una forte componente urbana.



109 commenti su “Er conflitto – di Er Folle

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.