[Insonnia]

Me sbraco sur divano ’n preda ar sonno
e scrollo la giornata dalle spalle.
Me sento chiuso in rete come ’n tonno,
che le sue pinne nun pò liberalle.

Me giro e rotolando me dimeno
cercanno de trova’ ‘na posizione.
Ma se ce provo er sonno viene meno
e affronto l’ora a singolar tenzone.

De Tranquirit du gocce nell’amaro
m’accingo a scioje come ‘no spezziale.
Er sonno era pe’ me ’n amico caro
ma adesso sfugge via come ’n cinghiale.

Allora chiudo l’occhi e ascolto il nulla
viaggiando solo co’ la fantasia.
Che possano ‘ste righe esse ‘na culla
pe’ tutti quelli che so’ amici mia.

[Er Cane – Ottavo Poeta #32]

[foto di Sofia Bucci]


Condiviti questa notizia su:
avatar Ottavo Poeta (48 Pubblicazioni)

L’Ottavo Poeta viene scelto tra coloro che inviano i loro testi alla mail ottavo.poeta@poetidertrullo.it e viene pubblicato e diffuso sulle nostre piattaforme. Poeta a rotazione, fa parte del nostro gruppo per un breve periodo per poi lasciare spazio agli altri aspiranti.



42 commenti su “[Insonnia]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *