PE’ NONNETTA MIA – di Francesco Cipolla

Mi ricordo quand’ero piccoletto
che me cantavi sempre “mio ber moretto”,
dicevi “Sei er bastone de la vecchiaia mia”,
me davi ‘na carammella o ‘n cioccolatino…
“Nun je lo di’ alla figlia mia!”

Me fischiettavi dar giardino
e io me nasconnevo come ‘n cretino
pe’ fatte buh! e riscappa’ intorno ar palazzo,
pe’ ridece su e pe’ datte ‘no spavento,
pe’ sentimme ‘n paravento… e ‘n po’ testa de cazzo.

Che poi all’inizio eri ‘n po’ artezzosa,
‘na donna forte e burrascosa.
Parlavamo poco,
ma tra pranzetti, feste e buffetti,
eri la nonna der còre mio… e quanto lo sa solo Dio.

Ce stava nonno che t’aspettava,
nun vedeva l’ora, magari scalpitava…
pe’ riabbracciatte ancora.
‘Sto grande amore durato più de settant’anni,
finarmente se ritrova… do’ ‘n ce stanno guerre né malanni.

È così che me do’ forza, a pensa’ che stai mejo,
co’ l’omo tuo, a ‘mbriacavve co’ ‘n pescetto e ‘n ber vinello,
in riva al mare a chiacchera’
de quanto ve siete mancati
e della felicità… de quant’è bello essese ritrovati.

L’ultimi anni ‘amo parlato tanto
e m’hai detto cose
che me porto dentro come ‘n tesoro.
‘Ste parole nun le dico e nun le canto.
So’ parole preziose… pe’ me so’ oro.

Era bello quanno che te parlavo in romano,
tu ‘o sapevi che co’ me ce potevi parla’,
e ‘gni tanto ‘na parolaccia e un vaffanculo
te scappava dalle mano…
Te guardavo un po’ allibito e poi se facevamo ‘na risata,
un po’ te vergognavi de quel ruggito,
‘o sapevi che t’eri allargata.
Ma io ero fiero de ave’ sto privilegio
tanto che te dicevo “Ma che te frega a nonnetta!
Sticazzi… magnamose ‘na cosetta!”

Comunque gnente, me potevi aspetta’,
ma c’hai avuto fretta de anna’
dall’amore tuo che co’ ‘n sorriso te stava aspetta’.
Te ringrazio e te saluto,
te penserò e starò muto.
Solo t’ascolterò quanno me cercherai ner sonno
o quando sarò in giro per monno,
magari m’accorgerò de ‘na nuvola che c’ha la forma tua e de nonno,
piangerò e farò la lagna,
ma me ricorderò de te che me dicevi “E dài, su, magna!”

E dopo ‘sta filastrocca ‘n po’ stonata,
chiamala se vuoi ‘na serenata,
te saluto pe’ l’ultima vorta
e t’aspetto nei miei sogni…
Quando la coperta sarà corta.

[FRANCESCO CIPOLLA – OTTAVO POETA #37]

Foto_Francesco_Cipolla

avatar Poeti der Trullo (95 Pubblicazioni)

I Poeti der Trullo sono un gruppo di sette ragazzi del quartiere Trullo, alla periferia di Roma. Un movimento che parte dalla periferia e si diffonde e si espande attraverso la rete. Una mentalità metroromantica, con una forte componente urbana.



115 commenti su “PE’ NONNETTA MIA – di Francesco Cipolla

  1. Me fa veni’ in mente la canzone de Rascel che io ho “leggermente” cambiata, giusto quarche parola:

    Mamma, te ricordi quanno ero piccoletto,
    Che me ce voleva la scaletta p’anna’ a letto?
    Mo che ho studiato e sono un grande professore
    Per anna’ a letto prenno l’ascensore!

  2. Mi sono commossa. .e ora mi prende la nostalgia, come sempre, quando penso alla mia nonna che non c’è più. .anche se ho la fortuna di averne ancora una con me. .grazie per questa poesia, che è davvero un manifesto di poesia e dolcezza

  3. Mi sono comosso davvero, pensando quando ero più piccolo e a mia nonna nella sua palazzina a ostia gli facevo i scherzi dalla finestra, mi parla a e mi diceva “tu sei mattato me voi fa mori”. Adesso sta co nonno e più leggo questa poesia più mi sale la nostalgia. Grazie Francesco sai far emozionare 🙂

  4. Che nostalgia de ‘ste nonnette ??
    Ma che je racconteremo ai nipoti nostri fra qualche anno? De quanno se andavamo a tatua’ il bacino? O de quanno se gonfiavamo cor botulino? O mejo ancora, pe’ nun sembra’ più vecchie, se annavamo a rifa’ le tette ????
    Pori nipoti, che i’aspetta !!!
    Nonna nun c ha più tempo de fa i dolci, le fettuccine, er bucato….nonna deve anna’ a gioca’ a burraco ???

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.