Mi padre è morto operaio – di Simone Bevilacqua

C’è ‘n omo che nun ho mai conosciuto
È morto che ero regazzino
Qualche volta me pare l’ho veduto
Ma me lo ricordo dalla foto sul comodino

Me ricordo avemo fatto er funerale
Ma nun ce stavano li potenti
Mi padre nun era militare
Era uno degli operai dipendenti

Mi madre me l’ha detto
“Tu padre era ‘n’ gran signore”
E quando da solo annavo a letto
Me sentivo pieno d’onore

Ma ‘na cosa me turbava
Se stavo zitto c’era rumore
C’era qualcosa che nun andava
C’avevo solo un genitore

Per carità rispetto ogni professione
Pure se la guerra nun me piace
Ma mi padre nun era omo d’azione
E manco nessuno aveva messo in croce

Prendeva li sordi pe’ la famiglia
Lavorava ma stava in nero
Però voleva ‘n’altra figlia
Ma nun c’aveva un salario vero

So d’accordo, bella pensata
Nessun problema ce sarebbe stato
Se non fosse che ‘na giornata
È finito morto ammazzato

Lavorava zitto e bono
E bono e zitto se n’è andato
Breve come un tuono
Che però non ha rombato

Ao quando l’ha saputo er direttore
C’ha mannato pure li fiori
Ma nun lo sa cos’è er dolore
Che vòr di’ nun ave’ uno dei genitori

Io lo so che l’ho provato
Nun ce la fai manco a parla’
Mi padre l’ho solo sognato
‘Na vorta m’è venuto a trova’

Me chiese “Fijo mio che stai a dormì
Lo sai che chi dorme nun pija pesci
Perché stai ancora qui
Vai de fòri e esci”

Io rimasi imbarazzato
Era ‘n sogno, lo sapevo
Ma dopo che ero nato
Solo mo’ lo rivedevo

“So’ venuto a trovatte
Me mancavi, so’ sincero
C’avevo voja de vedette
Oh, mica lavori in nero”

“Papà, bòno, quante domande”
Io stavo dentro al letto
“Così sdrajato nun te so risponde
Me devi ripete ciò che hai detto

E poi so pure emozionato
Si vabbè che c’ho vent’anni
Ma nun t’avevo mai sognato
Mettite pure nei miei panni”

Ah ah, lui divertito me sorrise
“Allora sei cresciuto
Me te ricordo che succhiavi dalle sise
Beh me trovi compiaciuto

E dato sì che sei maturo
Te vojo chiede ‘n’informazione
Dopo che so’ morto sur lavoro
È cambiata la situazione?

Vojo dì nun me reputo importante
Nun so mica morto partigiano
Anzi forse nun conto niente
Ma dimme almeno che nun so’ morto invano”

A quelle parole
Me se strinse forte er còre
Nella morte sua non c’era morale
Nun c’era manco onore

Sicchè mi padre vide er turbamento
Pe’ nun dije ‘na cavolata
Je volevo di’ che steso sul cemento
La situazione l’aveva cambiata

Je volevo di’ che c’era lavoro
Che la povertà era ‘n’illusione
Che sur lavoro ormai sei sicuro
Ma aveva capito l’intenzione

Me disse “Fijo mio, nun di’ bugie
Nun te conosco bene ma so’ tu padre
C’hai le stesse idee mie
E somigli pure a tu madre”

Papà, er mondo sì è cambiato
Ma i problemi so’ aumentati
Nun è poi così migliorato
Ce so’ i problemi nòvi e pure quelli passati”

“Ma come, nun avete fatto niente?
Nun je l’avete detto alle persone?
Che sta a fa’ tutta la gente
Nun la guarda la televisione?

“Ecco papà è proprio questo il punto
Nun c’è più informazione
Cosi nun poi pensa’ manco pe’ un momento
De fa’ la rivoluzione”

Fijo mio, ma de che stai a parla’
Me pari uno sconfitto
So’ io che sto de qua
So’ io che ormai sto zitto

Fijo mio te devi ribella’
Dimme che nun c’hai er gusto
De anna’ a lotta’
De vede un mondo più giusto”

Oh vabbè che era morto
Ma co’ quelle frasi me venne un’emozione
Nun c’aveva mica torto
Nun se pò vive senza contestazione

“Fijo mio si ‘na cosa nun te va
Nun fa come ho fatto io
Nun resta’ fermo, nun gioca’
Perché la vita è là, mica co’ Dio

Mo’ te lascio devo anda’
So’ contento de avette parlato
Ma nun te fa prega’
Quando torno dimme che er mondo l’hai cambiato”

Sicché con quelle parole
Me riempì de volontà
Poi sorridendo spariva dentro ar sole
Ma nun smetteva de guarda’

Je dissi mentre urlavo
Che nun se doveva preoccupa’
Che appena me svejavo
Er monno andavo a cambia’

Poi de botto prese er volo
E rimasi lì a pensa’
Io a combatte ero da solo
E ‘ndo volevo anda’

Poi m’accorsi che la gente
Se riuniva in contestazione
Ce stava chi non era indifferente
Chi faceva la rivoluzione

Ce stava una lotta con più sbocchi
Che toccava tutti i lati
Stava proprio sotto l’occhi
E i mja s’erano addormentati

La soluzione era manifesta’
Contro tutto contro queste leggi ladre
Capii che dalla portrona me dovevo arza’
Perché oltre che a me lo dovevo pure a mi padre

[Simone Bevilacqua – Ottavo Poeta #38]

13059912_10209798156019001_560755706_n

avatar Poeti der Trullo (95 Pubblicazioni)

I Poeti der Trullo sono un gruppo di sette ragazzi del quartiere Trullo, alla periferia di Roma. Un movimento che parte dalla periferia e si diffonde e si espande attraverso la rete. Una mentalità metroromantica, con una forte componente urbana.



60 commenti su “Mi padre è morto operaio – di Simone Bevilacqua

  1. È splendida.

    Io scrivo di piccioni col cacarone che sganciano in testa a chi è ingiusto, e per carità ho trovato apprezzamento, ma quando qualcuno mi disse che non c’ero, in quella poesia, aveva ragione. Solo che non l’ho capito subito. Oggi ho letto questa e ho capito: qui c’è presenza emotiva e fisica di chi ha scritto.
    Qui c’è anche un contenuto che infiamma e fa piangere e gridare.

  2. È splendida.

    Io scrivo di piccioni col cacarone che sganciano in testa a chi è ingiusto, e per carità ho trovato apprezzamento, ma quando qualcuno mi disse che non c’ero, in quella poesia, aveva ragione. Solo che non l’ho capito subito. Oggi ho letto questa e ho capito: qui c’è presenza emotiva e fisica di chi ha scritto.
    Qui c’è anche un contenuto che infiamma e fa piangere e gridare.

  3. È splendida.

    Io scrivo di piccioni col cacarone che sganciano in testa a chi è ingiusto, e per carità ho trovato apprezzamento, ma quando qualcuno mi disse che non c’ero, in quella poesia, aveva ragione. Solo che non l’ho capito subito. Oggi ho letto questa e ho capito: qui c’è presenza emotiva e fisica di chi ha scritto.
    Qui c’è anche un contenuto che infiamma e fa piangere e gridare.

  4. È splendida.

    Io scrivo di piccioni col cacarone che sganciano in testa a chi è ingiusto, e per carità ho trovato apprezzamento, ma quando qualcuno mi disse che non c’ero, in quella poesia, aveva ragione. Solo che non l’ho capito subito. Oggi ho letto questa e ho capito: qui c’è presenza emotiva e fisica di chi ha scritto.
    Qui c’è anche un contenuto che infiamma e fa piangere e gridare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.