Er banco de scòla – di Federico Ciotti

Er segno de penna core leggero,
sur banco de scòla disegna ‘n pensiero.
Un foglio che parla de fallimenti e vittorie
de amori perduti, de tante baldorie.

Un riassunto che narra de te solamente,
de quanno la testa te volava ner niente,
durante le guerre, le equazioni e i musei
racconta chi eri e quello che sei.

Un pezzo de legno ma pure de vita,
de ‘n’infanzia felice, purtroppo finita.
E mo qualcun altro se siede al tuo posto
e racconta il suo mondo a colpi de inchiostro.

[Federico Ciotti – Ottavo Poeta #40]

[Il banco della foto disegnato da Tsing tao]

13250397_1760845130815231_797304067_n

avatar Poeti der Trullo (85 Pubblicazioni)

I Poeti der Trullo sono un gruppo di sette ragazzi del quartiere Trullo, alla periferia di Roma. Un movimento che parte dalla periferia e si diffonde e si espande attraverso la rete. Una mentalità metroromantica, con una forte componente urbana.



32 commenti su “Er banco de scòla – di Federico Ciotti

  1. M’aricordo er banco de scola mia
    Tutto de legno verde cor calamaro de ceramica indove er bidello ce metteva l’inchiostro. Essì perché allora scrivevamo co la cannuccia e cor pennino e le macchie su le mano e sur quaderno se sprecavano. Sopra nun ce se poteva scrive ma si s’arzava er piano, là indove se metteva la cartella, se poteva, più che scrive, cor cortellino che s’usava pe fa la punta a le matite, fa disegni, scritte tipo “Abbasso er maestro”, “Viva la Roma”, “Viva la Lazio”, “La scola che strazio”. E sempre attenti che se ce beccava er maestro ve metteva in piedi e faccia ar muro pe mezz’ora. Mo tanto tempo è passato e quer banco mio nun esiste più, ma nun me lo posso scordà

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.