Lei – di Còre de Roma

Me arzo la mattina e trovo già er buongiorno
Vede’ la faccia sua è mejo de ‘n film porno
Ce passo ore e ore ma nun me basta mai
Er còre me ce more e questo nun lo sai

Se ‘ncazza ‘n du’ secondi e me nega la parola
Je faccio li dispetti ma me sale ‘r còre ‘n gola
Non riesco a sta’ tranquillo finché nun me perdona
Faccio schifo come ‘n cane e nun sa cosa sprigiona

Io penso che i ragazzi se vonno diverti’
Magari ‘n so’ disposti ad ama’ una così
Tarmente complicata che ‘n se riesce a decifra’
La paura fa novanta… ma pure questa qua!

D’altronde da lassù qualcuno l’ha deciso
Che l’avrei incontrata così all’improvviso
Er sogno mio più grande è quasi ‘n’ utopia
Svejamme co’ lei a destra e a sinistra mi’ fija

Ce so’ troppe cose che ancora ve direi
Ma me sa che ho detto tutto perché er resto è tra me e Lei

[Còre de Roma – Ottavo Poeta #45]

OP_CdR

avatar Poeti der Trullo (84 Pubblicazioni)

I Poeti der Trullo sono un gruppo di sette ragazzi del quartiere Trullo, alla periferia di Roma. Un movimento che parte dalla periferia e si diffonde e si espande attraverso la rete. Una mentalità metroromantica, con una forte componente urbana.



280 commenti su “Lei – di Còre de Roma

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.