[Immigrato]

I fari della volante me fissano ‘ncessanti
Eppure so’ ‘n poro diavolo, uno dei soli tanti
– Criminali? – ve chiederete, ma ‘n realtà semo migranti

Nel core ‘na traversata d’un mare tra le terre
M’aricorda d’esse vivo, sebben sfiorato d’atroci guerre
Dove l’omo se fa Dio, giudice e sordato
E ‘l libero arbitrio è sceglie tra “scappare” o “ammazzato”

Pe’ conforto o pe’ paura, stringo le mani de ‘na povera creatura
“Ve prego, portate solo me ‘n questura
Mi fija deve pensa’ che questa è solo ‘na triste avventura
Che ‘n fondo finirà presto, ‘sta grande fregatura”

Questo vorrei di’ alla polizia
Ma ‘n verità conosco sola la lingua mia
E pur s’avessi parlato
Sarebbe stato er verbo de ‘no zozzo, immigrato

“Sgomberare, sgomberare
qui non potete stare”
Come se vive vicino ‘n ponte o ‘na stazione
Fosse ‘n’indecente manifestazione
Che non pò esse lasciata impunita
Da chi vòle ‘sta città santa e pulita

Peregrini, che ‘r freddo manto della notte avvolge
Cercamo ‘n posto a chi pote’ rivolge
Brama de pace e scampo da ‘ste miserie
Quand’ecco che se apre ‘n luogo de preghiere
‘Na chiesa, come ‘n’oasi, nel mezzo der buio quartiere

Un pensiero me trattiene
Gela ‘r sangue nelle vene:
Vorrei tra quelle mura entra’
Tra ’r silenzio e ‘l caldo le membra riposa’
Fino a domani
Nel luogo de culto de li Cristiani

Ma la dignità insorge e me chiede
“È giusto agi’ così, tu che poi professi un’altra fede?”
Ma l’istinto de sopravvivenza
Me risparmia de sceglie l’incombenza

Stringo forte la regazzina, facendoje da guscio
E sconfiggo l’imbarazzo mentre varco l’uscio

Me ristoro ‘nginocchiato, davanti ar lume de ‘na candela
Sgombro ‘r core da timori e da ogni lamentela
E comincio a prega’ forte nella lingua mia natìa
So’ sicuro che ‘sto Dio m’entende più de la polizia

Ingiungo le mani sur petto, come ‘na carezza
“Signore, padre de tutta la Bellezza
Che a ‘sto mondo tutti l’omini uguali hai creato
Ascolta ‘sto fijo tuo, che forse hai dimenticato
Come ‘r resto der popolo, sulla strada abbandonato
‘Sti giorni tutti uguali, fiji dell’indifferenza
Hanno preso de n’oblio la parvenza
Se è vero che liberi la gente da li mali
Te chiedo, concedime de la speranza l’ali!
Che ‘ste vite volino leggere
Là dove nun esiston più barriere
E nessun altolà
Sulla strada pe’ la libertà”

[Lino er postino]

pastedimage


Condiviti questa notizia su:
avatar Poeti der Trullo (14 Pubblicazioni)

I Poeti der Trullo sono un gruppo di sette ragazzi del quartiere Trullo, alla periferia di Roma. Un movimento che parte dalla periferia e si diffonde e si espande attraverso la rete. Una mentalità metroromantica, con una forte componente urbana.



19 commenti su “[Immigrato]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *