Silenzi – di Mario Santiago Givali

Le parole mancate.
Da scrivere,
che non trovi.
Impresse nei fogli di qualche anno fa.
Le parole mancate.
Da dire ora,
che non hai più.
Sommerse nei giorni di banalità.

Come si costruisce un castello d’ inchiostro
più non ricordo.
Tra le righe di un foglio,
le mie parole,
– che non trovo –
son mattoni che crollano,

e poi,
– cercarle –
in un incontro d’autunno
di un giorno normale.
Inseguire quel filo,
che di una vita,
lega ogni trama.

La penna si perde nella tua mano.
La voce smarrita in parole scontate.
Strumenti scordati e vuoti spartiti.

Lei parla,
si smarriscono i versi
di una poesia ancor da comporre.

Fugace ogni attimo scivola via.

Lei passa,
e resto solo.
– con parole mai dette –

Mario Santiago Givali

avatar Poeti der Trullo (86 Pubblicazioni)

I Poeti der Trullo sono un gruppo di sette ragazzi del quartiere Trullo, alla periferia di Roma. Un movimento che parte dalla periferia e si diffonde e si espande attraverso la rete. Una mentalità metroromantica, con una forte componente urbana.



3 commenti su “Silenzi – di Mario Santiago Givali

  1. Briciole di me
    “Quanto bello era quel libro, così bello e Caro.
    Parole in filigrana dorate
    ne impreziosivano pagine
    Pagine e sogni.

    Giace quel libro aperto a metà
    ed il vento lo sfoglia
    avanti e indietro. ..avanti e indietro.
    Quel che nessuno vi lesse
    nessuno avanti più vi leggerà ”
    Sonia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.