Gennaio di Londra – di Picchio

Camminavo pe’ la strada

Alle due di notte

Dopo ‘na serata de botte

Sur bancone, bottiglie rotte

 

Er freddo de Londra entra nella pelle

Tagliente, nun se cura de ‘a gente

‘Sto stronzo co’ le borchie

M’ha conciato pe’ le feste

 

Mentre avanzo sulla strada

Scorcio ar lato der marciapiede

Un ristorante che sta a chiude

Co’ ‘na signora che rassetta

 

‘Na vecchina che comanna,

Che pulisce il suo presepe

Cor mocio esperta, sulle crepe

Ritocca er patio, ripassa bene

 

Ma che è er mcdonald?

Così tardi chiude!

E ‘sta vecchia sola,

Che canta e scuote

 

Nun ce n’avrà meno de 60,

Su tutte e due le gambe,

Pero sta ‘n piedi, molleggia pure

Alle 2 de notte, pulisce e ride

 

Nella solitudine de ‘sta città

Che milioni de facce vede passa’

Me colpisce ‘sta vecchia,

Innamorata della sua catapecchia

 

La sua passione

Così giovanile

Pe’ ‘n posto demmerda

Sporco de vino e de bile

 

Rimane aggrappata

Ar suo avvenire

Che sembra passato

E invece è presente

 

È accesa la luce, lei sta a puli’

Mentre ‘a gente

s’annebbia la mente

Co’ pasticche e bottiglie

 

E vedila là,

‘Sta sessantenne

Protetta dar caldo

der suo ristorante

 

Rimescola er mocho

nella vaschetta;

Sorride di gusto,

Dà un pound ar pezzente

 

Me pare ‘na santa,

Che nessuno sente

Che nessuno vede

Che da sola ride

 

Felice

 

[Picchio]

avatar Poeti der Trullo (84 Pubblicazioni)

I Poeti der Trullo sono un gruppo di sette ragazzi del quartiere Trullo, alla periferia di Roma. Un movimento che parte dalla periferia e si diffonde e si espande attraverso la rete. Una mentalità metroromantica, con una forte componente urbana.



5 commenti su “Gennaio di Londra – di Picchio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.