L’eterna scacchiera – di Maurizio Culasso

Quando al tramonto il cielo
si dipinge di inchiostro,
i repressi tornano ad essere folli.
Muniti di bottiglia e mirra
ricalcano le orme dell’antico antenato.

Io! Urlano i pazzi che con disprezzo
abbandonano le regole dell’eterna scacchiera
per la momentanea fiera.
Il banchiere ubriaco,
il marito frocio,
la santa puttana,
eccoli tutti lì a consumare con i gesti,
realtà sepolte dal pregiudizio.

Tra i tavoli
passano il pittore e il fotografo,
come spettri,
a dare luce a quegli attimi di verità.
Abbagliati,
i malati vengono smascherati,
ma affranti dal loro reale volto
ritornano a nascondersi
nell’ombra della notte.

Di giorno le pedine
fatte di re, pedoni e regine
tornano a spostarsi allo stesso modo
accusando di pazzia coloro che
seguono se stessi
lungo l’infinito sentiero
che conduce alla felicità.

[Maurizio Culasso]

avatar Poeti der Trullo (84 Pubblicazioni)

I Poeti der Trullo sono un gruppo di sette ragazzi del quartiere Trullo, alla periferia di Roma. Un movimento che parte dalla periferia e si diffonde e si espande attraverso la rete. Una mentalità metroromantica, con una forte componente urbana.



Un commento su “L’eterna scacchiera – di Maurizio Culasso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.