[Un tremore come er còre]

Te scrivo ‘sta poesia che ‘n t’ho mai detto
Perché me fa senti’ er battito ner petto

Non posso scorda’ de quella situazione
De quanno stavamo fermi alla stazione

Tu te trattenevi pe’ nun piagne
E io che te dicevo “Sete tutte cagne!”

420122_507580602601800_1255325309_n

Er core m’hai spezzato
Le ossa m’hai piegato
La testa m’hai spaccato
E de sangue n’é colato

So caduto, me so’ arzato
So’ ricaduto e ho ‘mprecato
Tutto quello che ho potuto
Per amore te l’ho dato

Ogni cosa t’ho concesso
Pe’ ritrovamme dentro ar cesso
A vomitamme l’anima pe’ quanto ho bevuto
Maledicendo quell’amore in cui non hai creduto

‘Na fata eri stata
‘Na strega sei diventata
Dalla bocca m’hai succhiato
Pure l’amore che ‘n t’ho dato

M’hai tradito co ‘n amico caro
Pe’ perde quello che è stato raro

Gioia, rabbia, odio, dolore
Sangue, sesso, baci e l’odore

Che nun va via da ‘sta maledetta testa
Ed è n pensiero fisso tutto ciò che resta

Te ne sei annata co’ quer treno
E io che urlavo “Troia” cor veleno

Ma rimasto solo ho capito finalmente
Anche se m’hai fatto senti’ che ‘n valgo niente

Er core mio quando batte è ‘n teremoto
Che fa trema’ persino l’angolo più remoto

De sto mondo e de ‘n artra vita
Pò anna’ anvanti pure si è finita

[Fabio Mastroianni – Ottavo Poeta #4]


Condiviti questa notizia su:
avatar Ottavo Poeta (48 Pubblicazioni)

L’Ottavo Poeta viene scelto tra coloro che inviano i loro testi alla mail ottavo.poeta@poetidertrullo.it e viene pubblicato e diffuso sulle nostre piattaforme. Poeta a rotazione, fa parte del nostro gruppo per un breve periodo per poi lasciare spazio agli altri aspiranti.



Un commento su “[Un tremore come er còre]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *