[Kairòs]

Kairos
Spesso me chiedo, a vede’ com’è ridotto ‘sto paese, a senti’ la pochezza der vicino, ma perché nun te ne vai? Che ce stai a fa’ qui? Vai a fa’ fortuna da n’antra parte. Ma nun è così facile; anzi non me potrei immagina’ niente de più complicato.

È che de solito quanno la matina io me svejo, m’arigiro cento vorte dentr’al letto, ce penso e c’aripenso, ce provo a sta’ sereno. Me dico “fa’ ‘n respiro, nun è gnente, vedrai che sarà mejo”; ma nun funziona mai, e m’arzo che me rode sempre er culo. La matina, ‘n so perché, le brutture de ‘sto monno c’hanno presa su de me, me sovrastano, me menano, me s’ancollano come ‘n peso che me trascino tutt’ er giorno, e nun me riesce da sta’ bene.

Vedo nero e allora esco, in quarche modo devo fa’ pe levamme ‘sta tristezza che me smucina dentro ar petto. Sull’Ostienze coro forte, nella testa s’arincoreno tutti i modi pe’ caccialla: ma chi chiamo così presto? Er pensiero più infame me solletica er cervello: no, nun me riandrò de certo a fa’. E mentre er sole intanto s’arza e quasi quasi io m’arendo, svorto l’angolo e sto a Piramide, e quarcheccosa già me cambia.

Parcheggio dietro ar Circo, quello Massimo se intende, e me ‘ncammino verso er centro. Quanno sotto ar Palatino arzo er grugno verso er cielo, aò, tra petto e panza me formicola e me friccica un solletico d’orgojo…

Lascio er colle de li Re, scarto a destra er tempio d’Ercole, la Maria de Cosmedin co’ la boccaccia de li scemi, me ne vado pe’r Velabro e lì, sotto all’arco quadrifronte de Giano, co’ ‘r colle che porta er nome suo alle spalle, n’aa palude dove i Gemelli furono trovati, me sento che ‘sto posto vibra strano, me sta a parla’, me sta a distrae dai cazzi mia. Ingajardito m’arampico su via Monte Tarpeo, faccio i du’ tornanti e la vista me s’annebbia, me s’abbaja: archi, colonne, statue, templi de Vesta, basiliche, curie, anfiteatri flavi, fori; co ‘n solo corpo d’occhio almeno dieci chiese, le nubi di un passato che piovono presente, un paesaggio amplificato da ‘n’ebbrezza che è palese, me sento all’hostaria co’ du’ abbacchi e ‘n litro ‘n corpo. I gatti nun ce stanno ma io li vedo uguale. Passando er Campidojo gongolando come un pupo, butto giù lo sguardo perché quasi nun j’ha faccio: la piazza der Michelangelo, er palazzo senatorio, er teatro de Marcello e Sant’Ivo alla Sapienza sullo sfonno me danno la conferma che ‘sta città è violenta, che devi da esse’ pronto, pronto e addestrato a contene’ questo scenario, che te mette ‘e mani in testa, te stordisce e te lassa senza gnente. Scenno li gradini e me inoltro all’Augusteo co’ ‘n sorisetto tra li denti, e me rendo conto che questo è ‘n posto in cui devi da sta’ attento, attento alle persone perché qua, in questa città, la gente che cammina guarda ovunque ma no avanti. Mentre i loro sguardi volteggiano da ‘n pizzo all’artro, quasi nun sapendo bene ndo’ acquietasse, leggo nelle loro facce quarcosa che va oltre lo stupore; so’ atteriti, sottomessi, sconfitti, come se tutto ciò che c’hanno intorno loro proprio nun se lo potevano aspetta’.

Romé, che vor di’ forza, gloria. Ed è proprio questo che emana senza sosta da ogni chiesa, da ogni ponte, da ogni sampietrino. La forza e la gloria della prima capitale der monno de di qua, l’orgojo e la severità del punto di luce che iradiava er mare nostro. E nonostante so’ passati dumilaottocent’anni, e l’apice d’aa sua grazia è ‘n ricordo ormai lontano, nonostante ‘e brutture di barbari, papi avidi, malattie e povertà, ‘a miseria der corotto malaffare, dell’egoismo come credo, der continuo magna-magna sulle teste de noantri e dell’artri poveracci, nonostante tutto questo Roma mia nun s’è piegata, ‘n c’ha pudori, sta gajarda dritta dritta ed orgojosa, la dea più bella e più grandiosa, mentre ‘ntorno tutti l’artri se dimeneno nervosi, chi sta ‘n guera, chi sta a piagne, chi c’ha tutto e chi se mòre, sta impettita cor suo ghigno e sguajata se la ride, pija pe’r culo tutti l’artri esibendo le sue forme, i suoi gioielli e la sua luce, consapevole der fatto che il suo nome è nome eterno.

E m’accorgo co’ stupore che per oggi sto già mejo.

[Kairòs – Ottavo Poeta #5]


Condiviti questa notizia su:
avatar Ottavo Poeta (48 Pubblicazioni)

L'Ottavo Poeta viene scelto tra coloro che inviano i loro testi alla mail ottavo.poeta@poetidertrullo.it e viene pubblicato e diffuso sulle nostre piattaforme. Poeta a rotazione, fa parte del nostro gruppo per un breve periodo per poi lasciare spazio agli altri aspiranti.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *