‘E mano de mi padre – di Nenne

So’ ‘e mano de mi padre
che pe’ prime m’han toccata,
quanno uscivo da mi madre,
dar suo grembo, appena nata.

Quelle mano con amore,
lui pe’ famme addormentà,
me passava accanto ar core:
“Sta tranquilla, c’è papà”

Quelle mano ancora oggi
m’accarezzeno la faccia,
‘e paure mie sconfiggi
quanno sto tra le tue braccia.

Nun importa, nun fa niente,
si oggi ‘a mano trema ‘n po’…
quer tuo tocco nutriente
è ciò che più ricorderò.

‘Na cosa sola io te chiedo,
vedi ‘n po’ tuccheppoi fa’,
co’ le mano nostre unite
all’artare vojo anna’…

Poi magari, si te pija
stamme vicino ancora ‘n po’
quanno nascerà mi fija,
‘e mano vostra strigneró.

Nenne

avatar Poeti der Trullo (85 Pubblicazioni)

I Poeti der Trullo sono un gruppo di sette ragazzi del quartiere Trullo, alla periferia di Roma. Un movimento che parte dalla periferia e si diffonde e si espande attraverso la rete. Una mentalità metroromantica, con una forte componente urbana.



Un commento su “‘E mano de mi padre – di Nenne

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.