‘E cicatrici – di Gioggig

Arcune cose so’ dolorose
Vengono recise come le rose
Un momento ce stanno
Quello dopo vai in affanno
E poi un giorno so’ finite
E dalla vita so’ sparite

Poi senti un buco ar core
Quarcuno dirà che ‘n ce se more:
Te troverà mille soluzioni
Pe’ mijoratte ‘e condizioni
Ma a te nun te cambia gnente
Soffri e pensi de diventà demente

Parli alla luna sperando che t’ascorti
E che ‘n poco de pace te porti
Mediti o te rivorgi ar buddismo
Bevi, fumi e te dài al lassismo
Ma solo er tempo te cancella
La cosa brutta e pure quella bella

La cicatrice te rimarrà tutta ‘a vita
A ricordatte che nun è finita
Ce ne avrai tante come le stelle
‘Na costellazione sulla tua pelle
A ricordatte che devi esse fiero
D’avè combattuto come ‘n gueriero

Gioggig

[photo by Ravi Pinisetti]

avatar Poeti der Trullo (83 Pubblicazioni)

I Poeti der Trullo sono un gruppo di sette ragazzi del quartiere Trullo, alla periferia di Roma. Un movimento che parte dalla periferia e si diffonde e si espande attraverso la rete. Una mentalità metroromantica, con una forte componente urbana.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.