Natale pe’ me – di Angelo Gallo

Spero de aritrovallo ancora er Natale…
De solito se fa vede da lontano
A vorte ‘lluminato, a vorte scuro
Tra ‘e tenere note d’un coro de regazzini
O in una stella in cima all’arbero addobbato
De ‘a piazza granne vestita a festa
Ma poi, quanno m’avvicino,
Inciampanno tra li pacchi infiocchettati
E scappanno da li negozi affollati
Nun lo vedo più.
Drento de me
Avrei bisogno de parlacce
Così, tanto pe’ scambia’ du parole.
Me piacerebbe tanto senti’ da lui
Si tutto questo che se vede
Je sembra giusto
O abbasterebbe arigala’
Anche sortanto ‘n po’ d’amore
Un semplice soriso a chi se sente solo,
A chi c’ha ‘ntorno sempre ‘e luci spente
E trema perché nun ce lo sa
Si domani ancora er giorno arivedra’.

Angelo Gallo

avatar Poeti der Trullo (87 Pubblicazioni)

I Poeti der Trullo sono un gruppo di sette ragazzi del quartiere Trullo, alla periferia di Roma. Un movimento che parte dalla periferia e si diffonde e si espande attraverso la rete. Una mentalità metroromantica, con una forte componente urbana.



Un commento su “Natale pe’ me – di Angelo Gallo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.