Addà veni’ pe’ tutti – di Er Marmotta

Addà veni' pe' tutti

Quanno chiuderò l’occhi pe’ l’urtima vorta

spero ce sia quarcuno che me s’aricorda,

mica pe’ sti versi che mo ho scritto

ma pe’ tutte le parole che j’ho detto,

pe’ ‘l bene che j’ho voluto

e pe’ tutti quei momenti che ‘nsieme amo vissuto.

Me piacerebbe resta’ dentro a ‘n soriso,

vor di’ che quarcosa ho condiviso,

che ho sparso gioia e allegria

in giro pe’ sto monno, tra la gente mia,

quella che m’ha sopportato e m’ha capito

e pure quella che m’ha puntato ‘r dito.

Ma a ‘na certa tutti se n’annamo 

ariva quer giorno, manco se salutamo,

verso chissà dove, su ner cielo? 

So’ curioso, so’ sincero, prima o poi lo scopriremo,

si esiste pe’ davero chi t’accoje a braccia aperte
,
perdona a tutti e nun je frega gnente.

Oppure si finisce tutto in un attimo

tornamo cenere e se stoppa ‘r battito.

A ogni modo quer momento resterà eterno, infinito.

È ‘r destino de tutti, dar mijore ar più bandito.

E anche se a molti je mette paura

pe’ me resta l’unica cosa ch’è sicura!

[Er Marmotta – Ottavo Poeta #9]

avatar Poeti der Trullo (85 Pubblicazioni)

I Poeti der Trullo sono un gruppo di sette ragazzi del quartiere Trullo, alla periferia di Roma. Un movimento che parte dalla periferia e si diffonde e si espande attraverso la rete. Una mentalità metroromantica, con una forte componente urbana.



6 commenti su “Addà veni’ pe’ tutti – di Er Marmotta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.