Mi Fija – di Chinotto

“Amo’ sta nasce! Prendi er primo pendolino!”
600 km ce separano, è beffardo sto destino
Lascio ‘sta città de nebbia e arrivo piccolina
Roma te prego, nun fa’ la stupida stamattina!

Scendo dalla freccia e divento un siluro
“A ma’ do sta mi moje?” “Tranquillo sta al sicuro”
Mi padre co’ saggezza me guarda co’ fierezza
e mi socero in sottofondo: “Tacci tua me fai nonno!”

È nata! È nato un padre, è nata ‘na madre
Te ringrazio Dio, Te sarò sempre debitore
Te chiedo de stamme affianco! Sempre!
Nella gioia e ner dolore!

Te guardavo mentre dormivi eppure ero io che sognavo
Me guardavi co’ sospetto e te rassicuravo nel mio petto
Tu madre un po’ acciaccata se bagnava co’ la pezza
“Vieni qui a mamma cara, fatti dare una carezza!”

Torno a casa e magno cor silenzio
Ripensando a ‘sta giornata così piena de fatica
Non c’è dubbio lo posso di’:
È il giorno più bello della mia vita!

Sento i rumori, le luci e gli odori de quel giorno
Sei venuta come un fulmine, sei la cosa più bella der monno!
Ora sbraiti, giochi e fai la pazza nelle fasce
E ripenso col sorriso “Giusto a marzo potevi nasce!”

Ogni giorno cresci, impari, sembra che non te servo quasi più
Ma la sera quanno torno vuoi che te metto a testa in giù
Te vorrei insegna’ tante cose della vita ma sto già a capi’ un fatto
Sei tu forse la mia maestra, famme mette seduto sur banco

Camminiamo mano nella mano su questa strana vita
Che a vorte sembra che non ce sostiene
Te lo prometto la faremo insieme!
Giulia mia te vojo bene

[Chinotto]

avatar Poeti der Trullo (32 Pubblicazioni)

I Poeti der Trullo sono un gruppo di sette ragazzi del quartiere Trullo, alla periferia di Roma. Un movimento che parte dalla periferia e si diffonde e si espande attraverso la rete. Una mentalità metroromantica, con una forte componente urbana.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.